Cerca

Soci e partner

Provincia di Ravenna

Comune di Ravenna

Fondazione del Monte

Cassa di Risparmio di Ravenna

Camera di Commercio di Ravenna

Istituto per i Beni Culturali Emilia-Romagna

Notiziario

Argomento: Presentazione Pubblicazioni



"Bindo Giacomo Caletti e il suo tempo" di Luigi Martini

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


#inContemporanea la storia si fa in biblioteca

Doppio appuntamento d’inizio primavera alla Biblioteca Oriani

Sala Spadolini, via Corrado Ricci 26, Ravenna

 

 

Martedì 28 marzo, ore 17.00

Il prof. Ernesto Galli della Loggia discute con Dante Bolognesi e Alessandro Luparini del suo ultimo libro Credere tradire vivere. Un viaggio negli anni della Repubblica (il Mulino 2016), originale e pungente rivisitazione in chiave autobiografica della storia d’Italia dal Sessantotto alla crisi della Prima Repubblica.

Ernesto Galli della Loggia è professore di Storia contemporanea presso l’Istituto Italiano di Scienze Umane, editorialista del «Corriere della Sera», membro del comitato direttivo della Società italiana per la storia della Storia contemporanea.

 

Sabato 1 aprile, ore 17.00

Il prof. Mario Del Pero presenta il suo libro Era Obama. Dalla speranza del cambiamento all’elezione di Trump (Feltrinelli 2017), cronaca degli otto anni alla Casa Bianca di Barack Obama, tra luci e ombre, per provare a capire il perché della vittoria di Donald Trump. L’autore ne discute con Andrea Baravelli.

Mario Del Pero, americanista, insegna Storia internazionale e Storia della politica estera statunitense all’Institut d’études politiques-SciencesPo di Parigi.

 

scarica la locandina

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


SAVE THE DATE: 24/2/2017 16:30, Bologna, Università di Bologna Facoltà Di Scienze Politiche si presentano i nuovi numeri di MR

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


venerdì 24 ottobre 2014 ore 17, inContemporanea, EMANUELE FELICE, "Perchè il Sud è rimasto indietro", il Mulino, 2013

 

http://www.fondazionecasadioriani.it/assets/cartolina_Felice.pdf

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


martedì 16 settembre ore 17 inContemporanea: CLAUDIO MARTELLI discute del suo libro "Ricordati di vivere", Bompiani, 2013

Leggi Tutto... Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


inContemporanea

La storia si fa in biblioteca

 

Tra settembre e novembre 2014 la Biblioteca di Storia Contemporanea “Alfredo Oriani” di Ravenna organizza un primo ciclo di presentazioni di volumi riguardanti temi, momenti, simboli e figure chiave della storia d’Italia. Libri importanti che hanno fatto discutere, e sui quali continuare a discutere, per riflettere e per meglio conoscere i percorsi  e gli snodi attraverso i quali si è venuta formando e definendo la nostra identità nazionale.

Leggi Tutto... Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


Presentazione del volume collettaneo La Settimana Rossa (Roma, Aracne Editrice, 2014)

Venerdì 27 giugno, alle ore 17.00, presso la Sala Spadolini della Biblioteca di Storia Contemporanea “A. Oriani”, sarà presentato il volume collettaneo La Settimana Rossa (Roma, Aracne Editrice, 2014). Saranno presenti il curatore del volume, prof. Marco Severini, con tre dei coautori, Alessandro Luparini (che introdurrà in veste di responsabile delle attività culturali della Fondazione Casa di Oriani), Lidia Pupilli e Silvia Serini.

Esattamente un secolo fa, tra il 7 e il 14 giugno 1914, l’Italia fu interessata da una serie di scioperi, contestazioni e agitazioni che, nelle Marche e in Romagna, assunsero il carattere di un’autentica insurrezione contro la Stato nazionale. Dopo la morte ad Ancona di tre giovani manifestanti uccisi dalla forza pubblica, venne proclamato lo sciopero generale: si fermarono i treni e le rotative dei giornali; chiusero i negozi e le scuole; la Penisola cadde in una generale condizione di paralisi e isolamento; si susseguirono notizie vere e altre inventate; i simboli del potere laico e religioso furono presi di mira dalla rabbia popolare; alla fine, la mancanza di coordinamento e di obiettivi precisi, fece fallire questo movimento che aveva visto improvvisamente uniti tutti i partiti “sovversivi”. Il libro, curato dal professor Marco Severini, docente di Storia dell’Italia Contemporanea presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Macerata, racconta gli venti, i luoghi e i personaggi della Settimana Rossa che, in un clima di forte radicalizzazione politica, costituì un serio banco di prova per il nuovo Governo Salandra, ad appena tre settimane dallo scoppio della Grande Guerra.

 

 

http://www.fondazionecasadioriani.it/assets/La_Settimana_Rossa.pdf

http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/pubblicazione.html?item=9788854871069

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


Presentazione del volume "La libertà e il sacrilegio" di Alessandro Luparini e Laura Orlandini Ravenna lunedì 26 maggio 2014

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


Uscito il n. 44 di "Memoria e Ricerca" dedicato ai suoi primi vent'anni di vita

Vent’anni dopo

Miscellanea di studi

 

 

Nel 2013 «Memoria e Ricerca» festeggia i suoi primi vent’anni di vita. Anzi, di fatto, dal momento che il primo numero apparve nell’autunno del 1993, questa è l’annata numero ventuno della rivista: una data che in un tempo non lontano scandiva il passaggio dall’adolescenza all’età adulta. Non sappiamo se ciò può valere anche per le riviste scientifiche, certo è che vent’anni di attività alle spalle rappresentano una misura sufficientemente ampia per valutare l’efficacia e la tenuta di un progetto culturale, per tracciare un primo bilancio dei risultati raggiunti, per verificare se «Memoria e Ricerca» sia riuscita a costruire una sua precisa identità e a guadagnarsi uno spazio di credibilità e di autorevolezza nel panorama storiografico italiano e internazionale.
Crediamo, senza peccare d’immodestia, di poter rispondere in maniera affermativa. Ce lo confermano l’interesse con cui la rivista è seguita in Italia e all’estero, il numero crescente di articoli e di dossier monografici che ci vengono proposti, il riconoscimento ricevuto dalla comunità scientifica e dall’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (Anvur), con l’inserimento della rivista nel novero ristretto di quelle cosiddette di «fascia A». Sono riscontri di cui prendiamo atto con soddisfazione anche perché giungono a coronamento di un lavoro del comitato direttivo e della redazione che, sebbene vissuto con spirito di grande amicizia e di simpatetica condivisione, è divenuto col passare degli anni sempre più impegnativo e oneroso. E ci piace ringraziare, oltre alla Fondazione Casa di Oriani che ci offre il suo imprescindibile sostegno, quanti in questo primo ventennio – autori, redattori, consulenti, referees, traduttori – hanno in vario modo collaborato alla rivista, facendo tratti più o meno lunghi di strada insieme a noi. Fra costoro un pensiero particolare lo rivolgiamo ancora una volta a Francesca Anania.
Approssimandosi il ventesimo compleanno ci è sembrato che un bel modo per festeggiarlo, lungi da qualunque  intendimento  autocelebrativo,  fosse quello di rinunciare per una volta alla realizzazione del dossier monografico e di destinare tutte le pagine della rivista a una miscellanea di saggi di giovani studiosi. Si è perciò lanciato un call for papers (in cui peraltro si è volutamente omesso di fissare un limite d’età nel quale circoscrivere la figura di «giovane studioso») sollecitando l’invio di contributi su «alcune delle aree e/o tematiche di storia sociale, politica, economica e culturale dei secoli XIX e XX, di cui la rivista si è occupata più frequentemente». Le risposte sono andate al di là delle nostre aspettative: sono infatti arrivate trentacinque proposte di articolo, corredate di corposi abstracts e dei curriculum vitae dei proponenti,  fra le quali il comitato di direzione ha effettuato una prima selezione. Dei 19 saggi poi concretamente  arrivati, uno è stato respinto, tre sono stati ritenuti al momento non pubblicabili e rinviati agli autori con suggerimenti di modifiche e integrazioni. I restanti quindici sono stati sottoposti alla normale procedura di referaggio esterno, mandandoli in lettura in forma anonima a trenta qualificati studiosi (blind referees), due per ciascun contributo.  Sulla base delle indicazioni e dei giudizi da essi ricevuti, tutti gli autori hanno poi provveduto a un lavoro più o meno profondo di revisione dei rispettivi saggi.
La direzione di «Memoria e Ricerca» ha quindi operato la scelta definitiva, mettendo  insieme le originarie valutazioni dei propri  componenti  e quelle dei referees esterni, ponderando le modifiche effettuate dagli autori, cercando di dare al fascicolo una struttura  che risultasse ben equilibrata sul piano cronologico e tematico. Ha ritenuto inoltre di privilegiare quei testi che evidenziavano un carattere più spiccato di ricerca, con analisi e interpretazione di fonti di prima mano. Altri due contributi (di Laura Grazi ed Eloisa Betti), con carattere più di rassegna di studi, verranno pubblicati nei fascicoli immediatamente successivi nella rubrica Regioni/ragioni della storia.
L’ultimo grazie, in conclusione, va dunque proprio a loro, ai «giovani studiosi» che hanno accolto il nostro invito a collaborare con «Memoria e Ricerca» per il ventennale della rivista, offrendo saggi che, almeno a nostro avviso, si segnalano per l’originalità dei temi prescelti e per la maturità e il rigore metodologico con cui sono condotti.

f.c., m.r.



 

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


Presentazione del n. 43 di MR a Torino presso la Fondazione Firpo il prossimo 30 gennaio

Memoria e Ricerca 43/2013
Laicità e sfera pubblica nell'età contemporanea. Europa, Mediterraneo, Stati Uniti
a cura di Fulvio Conti.


LAICITÀ E SFERA PUBBLICA NELL'ETÀ CONTEMPORANEA. EUROPA, MEDITERRANEO, STATI UNITI
pag. 5
Fulvio Conti. Introduzione
pag. 7
Jean-Philippe Schreiber . Il regime di separazione tra Stato e Chiesa in Belgio: una specifica forma di laicità?
pag. 25
Jacqueline Lalouette. La laicità in Francia. Il dibattito contemporaneo (1980-2013)
pag. 45
Fulvio Conti. La secolarizzazione inconsapevole. Laicità e dimensione pubblica nell’Italia contemporanea
pag. 67
Angel Duarte, Angeles Gonzàlez. La Spagna cattolica e l’altra. Laicismo e neoclericalismo nella democrazia (1975-2011)
pag. 85
Leila El Houssi. Dalla Transculturalità all’Islamicità? Il caso della Tunisia
pag. 95
Rossella Bottoni. Il principio di laiklik nella Turchia della Seconda e Terza Repubblica (1961-2011)
pag. 109
Massimo Rubboli. Religione, politica e secolarismo negli Stati Uniti: una prospettiva storica
 
REGIONI/RAGIONI DELLA STORIA
pag. 127
Arianna Arisi Rota. World History, società internazionale e Ottocento: la prospettiva di Mazzini
pag. 145
Camilla Poesio. Hitler a Venezia. L’immagine del regime e della città nei primi anni trenta
pag. 167
Michele Mioni. Le due stagioni del consenso nel welfare britannico: storiografia e periodizzazioni
 
SPAZI ONLINE
pag. 185
Giancarlo Monina. Storia digitale. Il dibattito storiografico in Italia
 
 

scarica invito

 

http://www.fondazionefirpo.it/

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico