Cerca

Soci e partner

Provincia di Ravenna

Comune di Ravenna

Fondazione del Monte

Cassa di Risparmio di Ravenna

Camera di Commercio di Ravenna

Istituto per i Beni Culturali Emilia-Romagna

Notiziario


Presentazione del volume "La Grande Guerra al cinema"

La Grande Guerra nel cinema italiano alla Biblioteca Oriani

 

Sala Spadolini, Biblioteca Oriani

Via Corrado Ricci 26 Ravenna

 

15 novembre 2018, ore 17.30

 

 

Giovedì 15 novembre, ore 17.30, presso la Sala Spadolini della Biblioteca Oriani si terrà la presentazione del volume di Enrico Gaudenzi, La Grande Guerra al cinema. Tra narrazioni e censure (CLUEB 2017). Il libro del prof. Gaudenzi, già autore di importanti studi sull’argomento, prende in esame i circa duecento film italiani che, nell’ultimo secolo, hanno avuto per tema la Grande Guerra. Il saggio, arricchito da una corposa filmografia e da alcune schede di approfondimento sui più significativi titoli stranieri, ci guida quindi in un viaggio nel cinema italiano dedicato all’immane conflitto del ’15-’18, attraverso due prospettive: la storia e l’analisi delle singole pellicole e l’operato della censura, che non di rado, come nel celebre caso de La grande guerra di Mario Monicelli, ravvisò in quei film aspetti ritenuti lesivi dell’“onore nazionale”. Dalla ricerca, che è anche il racconto di uno spaccato di storia della società italiana, emergono continuità e discontinuità, temi ricorrenti e innovazioni rivoluzionarie nella narrazione cinematografica di quelle drammatiche vicende.

L’autore ne discuterà con Alessandro Luparini, direttore della Fondazione Casa di Oriani, e Giuseppe Masetti, direttore dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in Ravenna e Provincia.

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


Presentazione del volume "Ulderico Mazzolani, Una guerra da difendere"

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


“Fare storia” nel tempo presente in occasione dei 25 anni della rivista “Memoria e Ricerca”

Alla Biblioteca Oriani un convegno di studi per i 25 anni

della rivista di storia contemporanea «Memoria e Ricerca»

 

Sala Spadolini, Biblioteca Oriani

Via Corrado Ricci 26 Ravenna

 

26 ottobre 2018, ore 15.30

 

 

Si terrà venerdì 26 ottobre, con inizio alle 15.30, presso la Biblioteca di Storia Contemporanea “A. Oriani” il convegno “Fare storia” nel tempo presente, in occasione dei 25 anni di vita della rivista di storia contemporanea «Memoria e Ricerca», con la partecipazione di autorevoli studiosi.

Il primo numero della rivista uscì infatti nel settembre del 1993, ospitando, fra gli altri, un importante contributo storiografico di Pier Paolo D’Attorre, all’epoca da pochi mesi sindaco di Ravenna. Nel corso di 25 anni la rivista, che dal 2010 è di proprietà esclusiva della Fondazione Casa di Oriani, è cresciuta in grande considerazione, non solo fra gli addetti ai lavori,  fino a essere collocata in fascia A dall’ANVUR, l’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca. «Memoria e Ricerca», edita dal Mulino, è caratterizzata dall’interesse per la storia sociale, politica e culturale dell’età contemporanea, spesso con riferimento a temi “di frontiera”, sempre declinati con un taglio comparativo internazionale e con un approccio interdisciplinare. Negli ultimi tempi la rivista si è inoltre aperta sempre più alle tematiche innovative della Public History.

Il convegno, introdotto dai saluti del presidente della Fondazione Oriani prof. Sandro Rogari e presieduto dalla prof.ssa Barbara Bracco dell’Università Milano-Bicocca, sarà aperto dal prof. Maurizio Ridolfi (Università di Viterbo) e proseguirà con gli interventi di Rolf Petri (Università di Venezia), Jordi Canal (Ecole des Hautes Etudes, Parigi), Giovanni Orsina (LUISS, Roma), Emanuela Scarpellini (Università di Milano), per chiudersi con le conclusioni del prof. Fulvio Conti (Università di Firenze).

 

 

 

scarica la cartolina

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


#inContemporanea. La storia si fa in biblioteca

Ciclo di incontri sull’Italia dei “difficili” anni Settanta

 

Sala Spadolini, Biblioteca Oriani

Via Corrado Ricci 26 Ravenna

 

4, 18, 24 ottobre 2018, ore 17.00/17.30

 

 

Riprende presso la Biblioteca di Storia Contemporanea “A. Oriani” la rassegna InContemporanea. La storia si fa in biblioteca, con un ciclo di tre incontri ottobrini dedicati all’Italia degli anni Settanta realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna

Si inizia giovedì 4 ottobre, ore 17.30, con la presentazione del libro di Andrea Baravelli, Istituzioni e terrorismo negli anni Settanta (Viella 2016). Il volume di Baravelli, docente presso l’Università di Ferrara e figura nota del mondo culturale ravennate, prende le mosse da un luogo e da una data ben precisi: Padova, 7 aprile 1979, quando l’inchiesta condotta dal sostituto procuratore Pietro Calogero su Autonomia operaia si chiude con una raffica di arresti di vari suoi esponenti, alcuni dei quali di spicco. La ricostruzione, anche attraverso una documentazione in larga parte inedita, di quel clima e di quelle vicende consente all’autore di guardare da un osservatorio privilegiato alla tumultuosa realtà italiana degli anni Settanta. La città di Padova rappresenta infatti in quel torno di tempo un vero e proprio “laboratorio” politico, terreno di sperimentazione sia per le utopie rivoluzionarie che per l’attività di contrasto condotta dalle istituzioni e dalle forze dell’ordine. Il discorso può così allargarsi ad analizzare la caotica galassia di sigle e progetti rappresentata dall’estremismo di sinistra, la risposta data dalle istituzioni repubblicane alla minaccia del terrorismo rosso, le investigazioni e l’attività repressiva, il dibattito politico nazionale culminato col varo della cosiddetta “legislazione d’emergenza” e con la radicale riorganizzazione degli apparati di sicurezza. L’autore ne discuterà con il prof. Giovanni Mario Ceci (Università Roma Tre) e il prof. Angelo Ventrone (Università di Macerata).

 

Giovedì 18 ottobre, ore 17.30, si terrà la presentazione libro collettaneo Il mondo della guerra fredda e l’Italia degli anni di piombo. Una regia internazionale per il terrorismo? (Le Monnier Università-Mondadori Education 2017), a cura di Valentine Lomellini, docente di Storia delle relazioni internazionali e “Terrorism and Security in International History” presso l’Università di Padova.

Il volume curato da Lomellini, comprendente 13 saggi di autori fra i massimi conoscitori della materia, è incentrato su un tema particolarmente delicato: quello delle vere o presunte regie internazionali dietro la nascita e lo sviluppo del terrorismo italiano, di destra e di sinistra, con particolare riferimento al ruolo giocato dai servizi segreti delle grandi potenze, CIA e KGB, nel mondo diviso in blocchi contrapposti della Guerra fredda. Un nodo tuttora irrisolto della nostra storia nazionale, rispetto al quale molto si è supposto, e si continua a supporre, ma assai poco è stato provato con certezza.

La curatrice ne discuterà con il prof. Riccardo Brizzi (Università di Bologna) e il prof. Andrea Baravelli (Università di Bologna).

 

Mercoledì 24 ottobre, ore 17.00, si terrà la presentazione del libro del prof. Guido Formigoni Aldo Moro. Lo statista e il suo dramma (il Mulino 2017). Il volume  di Formigoni, ordinario di Storia contemporanea presso l’Università IULM di Milano, tra i  maggiori studiosi cattolicesimo italiano nel Novecento (sotto il profilo associativo, culturale e socio-politico), ricostruisce in forma compiuta e rigorosa la biografia politica dello statista democristiano, dagli esordi fino alle tragiche vicende del suo rapimento per mano delle Brigate rosse. 

L’autore ne discuterà con il prof. Michele Marchi (Università di Bologna-Dipartimento di Beni Culturali) e il prof. Sandro Rogari (Università di Firenze, presidente della Fondazione Casa di Oriani).

 

 

scarica la cartolina

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


Conferenza del prof. Massimo Baioni al XXX Incontro al Cardello

Il Cardello, Casola Valsenio, 15 settembre 2018, ore 16,30

 
Si terrà sabato 15 settembre alle ore 16,30, organizzato dalla Fondazione Casa di Oriani, il XXX “Incontro al Cardello”, tradizionale appuntamento culturale di fine estate nella casa museo ove lo scrittore romagnolo visse e scrisse le sue opere.

Relatore e tema dell’Incontro al Cardello del 15 settembre sono di particolare interesse. A parlarci su "Trento e Trieste. Storia e memoria di un mito politico" sarà Massimo Baioni docente di Storia contemporanea presso l'Università degli Studi di Milano.

Al termine della conferenza è prevista una merenda offerta ai convenuti dalla Fondazione Casa di Oriani.

 

Massimo BaioniMassimo Baioni è docente di Storia contemporanea presso l’Università degli Studi di Milano. Ha inse­gnato per 22 anni all’Università degli Studi di Siena. È membro del comitato direttivo della rivista «Memo­ria e Ricerca» (il Mulino), del comitato scientifico della rivista «Laboratoire italien» e del collegio docenti del Dottorato in Studi umanistici dell’Università di Urbino. È stato professeur invité all’École Pratique des Hautes Études di Parigi e all’Université Paris 8. Dirige con Ful­vio Conti la collana editoriale Le ragioni di Clio (Pacini). Tra i suoi libri: Il fascismo e Alfredo Oriani (1988); La "religione della patria" (1994); Identità e dintorni (1999); Risorgimento in camicia nera (2006); Risorgimento conteso (2009); Rituali in provincia (2010); Le patrie degli italiani (2017).

 

scarica il volantino

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


DANTE PLUS 2018

 

 

Dante è il poeta più conosciuto al mondo e la Divina Commedia ha sicuramente influenzato la fantasia di ogni generazione venuta dopo di essa. L’opera del Sommo Poeta resiste allo spazio ed al tempo, vivendo tutt’ora nel nostro presente. Un’opera eccezionale che riesce ancora oggi ad accomunarci tutti, parlandoci delle nostre paure, dei nostri sentimenti e delle nostre imperfezioni, un’opera universale ed universalmente riconosciuta. Marco Miccoli di Bonobolabo , in compartecipazione con il Comune di Ravenna, ha ideato un progetto a scadenza annuale interamente dedicato a Dante Alighieri e alla Divina Commedia, che terminerà nel 2021, settimo centenario dalla morte del poeta.

La mostra collettiva “Uno, nessuno e centomila volti” presso la Biblioteca Oriani in programma per il prossimo settembre (mese in cui l’intera città di Ravenna ricorda il poeta), mira a riunire un gruppo di artisti, diversissimi gli uni dagli altri che, dall’illustrazione al fumetto e alla street art cercheranno di dar vita ad nuova identità del poeta.

Inaugurazione venerdì 7 settembre ore 18:00

GIARDINO

Per tutta la durata della mostra, nei giardini della sede, sarà presente l’imponente scultura realizzata dall’artista Alessandro Turoni dal titolo “La soglia dell’aldilà” raffigurante un cerbero.

LIVE PAINTING

Disegno dal vivo di Seacreative

Disegno dal vivo di Nicola “Rospo” Bustacchini

Video di Gangaproduction

 

ARTISTI IN MOSTRA

Alberto Corradi, Alessandra Carloni, Andrea Dalla Barba, Andrea De Luca, Bomboland, Brome, Camilla Garofano, Codeczombie, Dalia Del Bue, Davide Barco, Davide Bart Salvemini, Emanuele Racca Senior, Giordano Poloni, Giulia Flamini, Krayon, LABADANzky u.a.m., Lisa Gelli, Marco Bonatti, Marco Galli, Marco Filicio, Maria Gabriella Gasparri, Marta Pantaleo, Massimiliano Marzucco, Michele Bruttomesso, Pupo bibbito, Resli Tale, Roberto Gentili, TMX artist, Totto Renna, Valentina Lorizzo, Werther Banfi

 

UNO, NESSUNO E CENTOMILA VOLTI

Biblioteca Oriani, via Corrado Ricci 26, Ravenna

Inaugurazione venerdì 7 settembre ore 18:00

La mostra è visitabile dal 7 settembre al 28 ottobre 2018

Progetto a cura di Marco Miccoli

Compartecipazione del Comune di Ravenna

Ingresso gratuito

ORARI MOSTRA E BOOKSHOP:

dal lunedì al venerdì: 9:00 – 13:00

sabato e domenica: 15:00 – 19:00

Contatti:

Marco Miccoli, Bonobolabo: 3286340102

 

www.bonobolabo.com

www.danteplus.com

info@danteplus.com

https://www.facebook.com/events/1495527553926214/

Sponsor dell’evento:

Compartecipazione del Comune di Ravenna, Fondazione Casa di Oriani, Bonobolabo, Magazzeno Art Gallery, Gelateria il Divino

 

 

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


ORARI ESTATE 2018

Avvisiamo i gentili lettori che la Biblioteca della Fondazione Casa di Oriani chiuderà dal 6 al 18 agosto 2018
 
Riaprirà lunedì 20 agosto 2018 con il consueto orario: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30 / martedì e giovedì dalle 15.00 alle 18.30
 
 
Gli Archivi del Novecento rimarranno chiusi per l'intero mese di agosto 2018. Riapriranno regolarmente giovedì 6 settembre 2018
 
Buone vacanze
Fondazione Casa di Oriani

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


"Oltre il muro, una voce"

Oltre il muro, una voce

 

presentazione del trailer “Oltre il muro, una voce” del Coordinamento delle Case Museo dei Poeti e degli Scrittori di Romagna, nell’ambito della rassegna regionale “Dove abitano le parole”, promossa da Ibc Regione Emilia-Romagna

 

 

trailer

 

 

 

 

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


#doveabitanoleparole2018

 

per info

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


Convegno: Tutti giù per terra!

Venerdì 11 maggio, con inizio alle ore 15, si terrà presso la Sala Spadolini della Biblioteca Oriani il convegno Tutti giù per terra! Violenze politiche ed iconoclastia dall’antichità ad oggi. L’incontro, organizzato dall’Associazione Amici di Memoria e Ricerca insieme con la Fondazione Casa di Oriani e il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna, trae spunto dalla pubblicazione dell’ultimo numero di «Memoria e Ricerca», la rivista di storia contemporanea promossa dalla della Fondazione Oriani, dedicato al tema dell’iconoclastia nel XIX secolo, per allargare l’analisi a un arco cronologico più ampio, dalla remota antichità fino alle polemiche sul patrimonio monumentale del fascismo in Italia, passando per la distruzione dei simboli del comunismo sovietico nei Paesi dell’Est Europa e i recenti episodi di violenza iconoclastica nel Vicino Oriente.

Il convegno che verrà aperto dai saluti dell’assessora alla Cultura del Comune di Ravenna Elsa Signorino e del presidente della Fondazione Oriani Sandro Rogari e sarà presieduto dal prof. Antonio Panaino dell’Università di Bologna, vedrà, nell’ordine, gli interventi di: Arianna Arisi Rota (Università di Pavia), Relazione introduttiva; Christian Greco (Direttore Museo Egizio Torino), Anche le statue muoiono; Clelia Mora (Università di Pavia) e Carlo Lippolis (Università di Torino), Iconoclastia nell’antichità, iconoclastia contro l’antichità. Uno sguardo sul vicino Oriente; Antonella Salomoni (Università della Calabria), “Leonipad”. Lenin in frantumi; Massimo Baioni (Università di Milano), Demolire il Littorio? La controversa eredità della simbologia fascista nell’Italia repubblicana.

 

 

scarica la cartolina

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico