Cerca

Soci e partner

Provincia di Ravenna

Comune di Ravenna

Fondazione del Monte

Cassa di Risparmio di Ravenna

Camera di Commercio di Ravenna

Istituto per i Beni Culturali Emilia-Romagna

Notiziario

Argomento: Comunicati Stampa



Auguri di Buone Feste!!

La Fondazione Casa di Oriani porge ai suoi lettori i migliori Auguri di Buone Feste!!

 

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


“L’arte che rigenera l’arte”. Le rondini di Cracking Art per Dante e la Biblioteca Oriani

Tra il 18 settembre e il 23 ottobre 2016 presso la Biblioteca di storia contemporanea “A. Oriani” si è tenuta con un notevole successo di pubblico e di critica la mostra IdDante. Il volto di Dante per una traduzione contemporanea, ideata da Marco Miccoli (Bonobolabo) con la curatela di Maria Vittoria Baravelli.

Lungo tutta la durata della mostra il giardino della Biblioteca Oriani ha ospitato le rondini giganti di Cracking Art, il Collettivo artistico nato nel 1993 allo scopo - come si legge sul suo sito - «di cambiare radicalmente la storia dell’arte attraverso un forte impegno sociale e ambientale che unito all’utilizzo rivoluzionario dei materiali plastici mette in evidenza il rapporto sempre più stretto tra vita naturale e realtà artificiale».

Altre rondini in volo, assai più piccole, sempre realizzate da Cracking Art e messe a disposizione a titolo gratuito, sono state poste in vendita allo scopo, concordato precedentemente con la Fondazione Casa di Oriani, di finanziare un piccolo progetto di digitalizzazione di preziosi testi di argomento dantesco, datati fra il 1888 e il 1954, conservati presso il fondo storico originario della Biblioteca Oriani, il cosiddetto “fondo Mussolini”. Al termine dell’iniziativa, alla quale, grazie alla disponibilità delle titolari Cristiana Liuti e Allegra Vannini, ha dato un contributo fondamentale il Caffè Letterario di Ravenna, sono stati raccolti 900 euro. La cifra è stata interamente destinata all’opera di digitalizzazione che è stata svolta nell’arco di tre mesi da una giovane laureata in Scienza del libro e del documento, la dott.ssa Giorgia Plachesi, segnalata dalla prof.ssa Fiammetta Sabba Serrai del Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna-Sede di Ravenna.

Sono stati così scansionati 32 testi, esenti da copyright, inseriti successivamente sulla biblioteca digitale Internet Archive e resi quindi accessibili a tutti, lettori, studiosi o semplici appassionati, in ogni parte del mondo. Internet Archive costituisce infatti una piattaforma libera e indipendente, ma assolutamente in linea con l’etica e i principi di public domain, oltre che il luogo migliore per la preservazione digitale delle scansioni. 

Fra i testi digitalizzati figurano rare edizioni della Commedia e titoli, fra gli altri, di Enrico Corradini, Isidoro Del Lungo, Giovanni Mesini, Giovanni Pascoli e Corrado Ricci.

 

Internet Archive

 

 

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


ORARI ESTATE 2017

Avvisiamo i gentili lettori che la Biblioteca della Fondazione Casa di Oriani chiuderà dal 7 al 19 agosto 2017.

Riaprirà lunedì 21 agosto 2017 con il consueto orario: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30 / martedì e giovedì dalle 15.00 alle 18.30

 

Gli Archivi del Novecento rimarranno chiusi da giovedì 20 luglio a giovedì 7 settembre 2017. Riapriranno regolarmente giovedì 14 settembre 2017.

 

 

L'Emeroteca dal 1° settembre 2017 aprirà alle ore 9.00

 

 

 

 

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


A Luigi Lotti

Alessandro Luparini - Direttore Fondazione Casa di Oriani

Mi scuso con i lettori di "Museo in-forma" se questo mio ricordo del prof. Luigi Lotti non avrà un profilo strettamente 'istituzionale' e s'intreccerà con la mia autobiografia, ma non potrebbe essere altrimenti, visto il rapporto che mi legava a lui.

Si possono scrivere molte cose di Luigi Lotti. La prima, doverosa, è che è stato un grande storico. Nonché, aggiungo, uno storico in anticipo sui suoi tempi. Il volume I repubblicani in Romagna dal 1894 al 1915, edito nel 1957 per i tipi faentini dei Fratelli Lega, rimane ancora adesso uno straordinario esempio di narrazione storiografica, nella quale una vicenda particolare dentro un contesto particolare, sia pure emblematica come quella del movimento repubblicano nella Romagna post-risorgimentale e giolittiana, diventa il tramite per raccontare un'intera epoca. Una ricostruzione puntuale, fondata sull'indagine rigorosa delle fonti, a partire dalla stampa del periodo, come non era ancora consuetudine ai tempi. C'è persino l'indice dei nomi, strumento utilissimo e, oggi come oggi, ineludibile, ma del tutto inconsueto in un libro di storia del 1957. Un metodo che Lotti avrebbe applicato con risultati egualmente ragguardevoli a La Settimana rossa, la monografia del 1965 per la quale è maggiormente ricordato (almeno insieme a I partiti della Repubblica del 1997). Affresco a tutto tondo di un momento di passaggio della storia d'Italia, cerniera tra la fine dell'età giolittiana e il precipizio della Grande Guerra, fino ad allora pressoché ignorato dalla storiografia. Un libro che non è solo un esempio di come si fa ricerca ma una grande opera di storia tout court; un classico nel vero senso del termine.

Ciò detto, mi piace però, soprattutto, ricordare Luigi Lotti come maestro. Perché ho avuto la fortuna e l'onore di averlo come insegnante al "Cesare Alfieri" di Firenze, di cui è stato preside dal 1974 al 1992, anno della mia laurea. Le sue appassionate lezioni hanno contribuito ad accrescere in me l'amore, già forte, per la storia. I suoi stessi esami, se trovava dinanzi a sé uno studente preparato e ricettivo, si trasformavano spesso e volentieri in altre lezioni, con digressioni e approfondimenti tra una domanda e l'altra. Ripenso con affetto e nostalgia ai due esami con lui sostenuti, Storia moderna e Storia contemporanea, durati forse un'ora e mezzo l'uno ma passati in un lampo, il piacere dell'ascolto potendo più dell'ansia per l'interrogazione. All'amore per le sue materie d'insegnamento Lotti univa un raro senso di umanità. Sempre affabile e disponibile, lontano anni luce dalla impenetrabilità "baronale" di tanti suoi colleghi, pur mantenendo sempre la dovuta distanza tra professore e allievo. A salutarlo, la mattina dell'11 marzo 2016 nelle piccola chiesa di San Remigio a Firenze, c'erano molti suoi ex studenti. Miglior riconoscimento, io credo, il professore, il preside del "Cesare Alfieri" non avrebbe potuto avere.

Dopo la laurea, avrei ritrovato Luigi Lotti al Seminario di Studi e Ricerche Parlamentari "S. Tosi", per il quale teneva l'insegnamento di storia contemporanea. Poi, molti anni più tardi, per una di quelle strane circostanze che rendono imprevedibile la vita, ci saremmo di nuovo incontrati a Ravenna, città cui egli era legato da una lunga consuetudine di affetti e divenuta, nel frattempo, la mia "terra di elezione". Lui presidente, io direttore della Fondazione Casa di Oriani. Un'esperienza che mi ha dato modo di riscoprire l'antico maestro e di scoprire un amico. Luigi Lotti, nato a Trieste da padre fiorentino e madre ravennate, amava profondamente la Romagna, cui aveva dedicato numerosi studi (dal 1979, tra l'altro, presiedeva la Società di Studi Romagnoli). Anche per questo aveva assunto con entusiasmo la presidenza della Fondazione Oriani, una delle più prestigiose istituzioni culturali romagnoli, offrendo soprattutto un contributo importante alle sue iniziative; ultima, il convegno del 28 marzo 2015 L'Italia fra neutralità e intervento. Politica e Governo di fronte alla Grande Guerra.

Da qualche mese Luigi Lotti non è più fra noi. Ci restano la sua opera e il suo insegnamento; a me resta anche il ricordo di un uomo e di un maestro che mi ha accompagnato in momenti decisivi della mia vita personale e professionale.

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


Bando Premio di studio Pier Paolo D'Attorre 2017

Bando per l'assegnazione del PREMIO DI STUDIO
per tesi di dottorato "PIER PAOLO D'ATTORRE"
Anno 2017
 
 
Il Comitato promotore formato da Comune di Ravenna, Famiglia D'Attorre, Istituzione Biblioteca Classense, Fondazione Casa di Oriani, Fondazione Gramsci Emilia-Romagna, Università di Bologna, ha istituito un Premio di studio biennale per tesi di dottorato intitolato alla memoria di Pier Paolo D'Attorre (1951-1997), docente in Storia contemporanea all'Università di Bologna e Sindaco della città di Ravenna negli anni 1993-1997.
 
Il premio, giunto alla sua seconda edizione, mantenendo viva la memoria della figura e dell'opera di Pier Paolo D'Attorre, intende valorizzare i giovani studiosi e dare risalto a studi e ricerche che, per le problematiche trattate, contribuiscano ad arricchire ambiti di ricerca che furono propri del lavoro di Pier Paolo D'Attorre.

Il bando è pubblicato da oggi 30 marzo 2017  sul sito della Fondazione Gramsci Emilia-Romagna a questa pagina.
 
La domanda di partecipazione dovrà essere compilata e inviata entro il 20 luglio 2017.
 
Per informazioni e chiarimenti rivolgersi alla segreteria della Fondazione Gramsci Emilia-Romagna tel. 051 231377mail premiodattorre@iger.org

 

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


5xmille una firma per Casa Oriani

Anche quest’anno i cittadini hanno uno strumento per favorire lo sviluppo delle attività culturali e delle biblioteche, destinando il 5xmille dell'IRPEF alla Fondazione Casa di Oriani.

La legge di stabilità 2017 consente infatti di destinare una quota dell’imposta pagata sul proprio reddito (5xmille) relativo al 2016 alle associazioni e fondazioni riconosciute che operano negli stessi settori delle ONLUS.

Il 5xmille non sostituisce l' 8 xmille (destinato alle confessioni religiose) e non è un costo aggiuntivo per il contribuente.

È una quota di imposte a cui lo Stato rinuncia per destinarla alle organizzazioni no-profit e sostenere le loro attività.

Ecco come fare:

  • Firmare nel riquadro dedicato alle Organizzazioni Non Lucrative di utilità sociale
  • Riportare, sotto la firma, il codice fiscale della Fondazione Casa di Oriani : 80004320398

 

 

Ringraziando per l’attenzione, porgo i migliori saluti

 

Il Direttore

Alessandro Luparini

 

scarica pdf

 

 

 

 

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


Nuovo orario biblioteca dal 31 ottobre 2016

Per ragioni organizzative interne la Biblioteca Oriani si vede costretta a ridurre i propri orari di apertura al pubblico. In attesa che le condizioni tornino favorevoli al ripristino del vecchio orario, e scusandoci per il disagio arrecato, si comunica pertanto che a partire dal 31 ottobre 2016 la Biblioteca osserverà i seguenti orari di apertura:

 

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

 

8,30-13,30

 

 

8,30-13,30

15-18,30

8,30-13,30

 

 

8,30-13,30

15-18,30

 

 

8,30-13,30

 

 

 

 

 

il direttore

Alessandro Luparini

 

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


Riapertura Archivi del Novecento

Da giovedì 13 ottobre 2016 riapriranno al pubblico gli Archivi del Novecento, via di Roma 167, Ravenna.

Gli Archivi saranno aperti tutti i giovedì, nei seguenti orari: 9-12.30; 14.30-18.

Gli Archivi del Novecento, gestiti in condivisione dalla Fondazione Casa di Oriani e dall’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in Ravenna e Provincia, conservano i fondi archivistici di proprietà delle due istituzioni.

 

Per informazioni:

 

Archivi del Novecento (responsabile dott.ssa Laura Orlandini): 0544216303 (solo il giovedì)

Istituto Storico della Resistenza (responsabile dott. Giuseppe Masetti): 054484302

Fondazione Casa di Oriani (responsabile dott. Alessandro Luparini): 054430386

 

istorico@racine.ra.it

direzione@bibliotecaoriani.it

 

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


"Silenzio, è la zona di Dante: in piazza San Francesco l'identità fondante della città" (Paolo Bolzani)

"Silenzio, è la zona di Dante: in piazza San Francesco l'identità fondante della città" (Paolo Bolzani)

Solmi, Ministro di grazia e giustizia, e Morigi, Vicesegretario del partito, rendono omaggio alla tomba di Dante ed inaugurano la 'Zona Dantesca' e la Casa Oriani, nuova sede della 'Biblioteca Mussolini'.

https://youtu.be/-KwTk7bFdK0

 

 

Per l'inaugurazione della zona dantesca: Ravenna, 13 settembre 1936

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico


IL PROF. SANDRO ROGARI NUOVO PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE CASA DI ORIANI

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Casa di Oriani, riunitosi il 23 maggio u.s., ha eletto nuovo presidente della Fondazione il prof. Sandro Rogari.

         Rogari era entrato a fare parte del CdA su designazione del Comune di Ravenna, secondo quanto previsto dallo Statuto della Fondazione, in surrogazione del consigliere prof. Luigi Lotti scomparso lo scorso 9 marzo 2016.

         Il prof. Rogari, classe 1947, fiorentino, storico insigne, formatosi presso la prestigiosa Facoltà di Scienze Politiche Cesare Alfieri, di cui è stato preside per due mandati tra il 2000 e il 2006, è ordinario di Storia Contemporanea allʼUniversità di Firenze. Membro di società storiche nazionali e internazionali, è presidente della Società toscana per la storia del Risorgimento, dell’Accademia Colombaria di Scienze e Lettere e del Comitato culturale della Fondazione Marchi; è inoltre socio dell’Accademia dei Georgofili, dell'Accademia delle arti del disegno e della International Society for Intellectual History.

         Autore di oltre duecento pubblicazioni e legato a Ravenna e alla Romagna da lunga consuetudine di studi e di rapporti umani e professionali, fa parte dal 2013 del Comitato Scientifico per la creazione del Museo di Ravenna nel XIX secolo di Palazzo Guiccioli. La sua elezione alla presidenza dellʼOriani si pone quindi in stretta linea di continuità con lo spirito e con lʼoperato del compianto prof. Luigi Lotti.

         I membri del CdA, il direttore e il personale tutto della Fondazione Casa di Oriani salutano con soddisfazione lʼelezione alla presidenza del prof. Sandro Rogari, nella certezza che il suo alto profilo intellettuale non potrà che garantire e rafforzare il ruolo di una istituzione, lʼOriani, che con il complesso museale del Cardello, la Biblioteca di Storia Contemporanea e il suo inestimabile patrimonio bibliografico, le numerose iniziative nel campo della ricerca e dellʼalta divulgazione, lʼautorevole rivista di storia contemporanea Memoria e Ricerca, rappresenta unʼassoluta eccellenza nel panorama culturale nazionale e internazionale.

 

 

Pagina StampabileVersione PDFInvia ad un Amico