Cerca

Soci e partner

Provincia di Ravenna

Comune di Ravenna

Fondazione del Monte

Cassa di Risparmio di Ravenna

Istituto per i Beni Culturali Emilia-Romagna

Notiziario

Giovedì 22 febbraio 2018

Alla Biblioteca Oriani un libro su Caporetto. #inContemporanea. La storia si fa in biblioteca.

Sala Spadolini, Biblioteca Oriani

Via Corrado Ricci 26 Ravenna

Martedì 27 febbraio 2018, ore 17.00

Prosegue presso la Biblioteca di Storia Contemporanea “A. Oriani” la rassegna InContemporanea. La storia si fa in biblioteca.

 

Martedì 27 febbraio si terrà la presentazione del volume collettaneo

Superare Caporetto. L’esercito e gli italiani nella svolta del 1917 (Unicopli 2017).

 

Il libro, curato da Luca Gorgolini (Università di San Marino), Fabio Montella (giornalista e ricercatore) e Alberto Preti (Università di Bologna),  raccoglie una serie di saggi che affrontano tutti gli aspetti legati alla drammatica vicenda di Caporetto, di cui è da poco trascorso il centenario. La sconfitta di Caporetto fu un momento di cesura importante, per molti versi di svolta, nella storia della Grande Guerra condotta dall’Italia. Quanto accadde nei giorni e nelle settimane successive alla fatidica notte tra il 23 e il 24 ottobre 1917 ebbe effetti dirompenti non solo sul piano militare e strategico, ma anche sul versante del cosiddetto “fronte interno”, della sua mobilitazione, della storia politica del primo conflitto mondiale: l’occupazione dei territori invasi determinò l’odissea di migliaia di civili profughi; il controllo statale sull’economia e sulla società conobbe un’ulteriore estensione; il problema del consenso all’interno della popolazione e tra le file dei soldati venne posto al centro della riflessione dei rinnovati vertici del Governo e dello Stato Maggiore; la riorganizzazione delle forze armate venne realizzata tentando di superare il precedente modello coercitivo, e si passò da una strategia bellica offensiva a una difensiva.

Saranno presenti alcuni degli autori, che ne discuteranno con il direttore e il presidente della Fondazione Oriani, dott. Alessandro Luparini e prof. Sandro Rogari, autore anch’egli di uno dei contributi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



[ Indietro ]