Cerca

Soci e partner

Provincia di Ravenna

Comune di Ravenna

Fondazione del Monte

Cassa di Risparmio di Ravenna

Istituto per i Beni Culturali Emilia-Romagna

Notiziario

Sabato 07 giugno 2014

28 giugno 2014 ore 17. LA BELLEZZA E L'ORRORE. Letture dal fronte occidentale, nel centenario della Grande Guerra

Quest'anno ricorre il centenario della Prima Guerra Mondiale. Se già nella percezione dei contemporanei essa fu da subito la Grande Guerra, noi, che in tutto e per tutto ne siamo figli, sappiamo che si trattò di un avvenimento epocale: un enorme suicidio collettivo che avrebbe cancellato l'idea stessa di Europa quale la si era percepita sino a quel momento e cambiato per sempre la storia del mondo. Per ricordare e per riflettere la Biblioteca di Storia Contemporanea "Alfredo Oriani", in occasione della campagna di promozione della lettura "Il Maggio dei Libri", propone una serie di letture dal fronte occidentale, il primo in ordine di tempo e il più importante, anche sotto il profilo simbolico, quello dove l'esperienza inedita e spaventosa della morte anonima di massa si manifestò nelle forme più devastanti. Basti pensare che il maggiore conflitto europeo dell'Ottocento, la guerra franco-prussiana del 1870-71, vide poco più di 300.000 caduti, mentre soltanto nelle due principali offensive del 1916, la battaglia di Verdun e della Somme, trovarono la morte oltre 960.000 persone. Le emozioni, le illusioni, le paure e le speranze di quei giorni terribili rivivranno attraverso brani di autori francesi, inglesi e tedeschi (da March Bloch a Erich Maria Remarque, da Robert Graves a Ernst Junger, da Alfred Owen a Gabriel Chevallier), che presero parte alla guerra e la raccontarono, con voci ora di esaltazione e di entusiasmo patriottico ora di disincanto e di riprovazione. "Bellezza e orrore", dunque, per dirla con lo splendido libro di Peter Englund che dà il titolo all'iniziativa e che ne farà da filo conduttore attraverso le testimonianze diaristiche, non mediate dal filtro della letteratura, di uomini e donne che si trovarono scaraventati in quella che il poeta inglese Siegfried Loraine Sassoon chiamò la "grigia terra di morte".

http://www.fondazionecasadioriani.it/assets/labellezzaelorrore.pdf





[ Indietro ]