Cerca

Soci e partner

Provincia di Ravenna

Comune di Ravenna

Fondazione del Monte

Cassa di Risparmio di Ravenna

Camera di Commercio di Ravenna

Istituto per i Beni Culturali Emilia-Romagna

Notiziario

Martedì 09 gennaio 2018

#inContemporanea. La storia si fa in biblioteca

#InContemporanea. La storia si fa in biblioteca.

Sala Spadolini, Biblioteca Oriani

Via Corrado Ricci 26 Ravenna

19 gennaio, 15 febbraio, 27 febbraio 2018, ore 17.00

 

 

Riprende presso la Biblioteca di Storia Contemporanea “A. Oriani” la rassegna #InContemporanea. La storia si fa in biblioteca

Si inizia venerdì 19 gennaio con la presentazione del libro del prof. Massimo Baioni, Le patrie degli italiani. Percorsi nel Novecento (Pacini 2017).

Baioni, docente di storia contemporanea all’Università di Siena, nonché membro del comitato di direzione della rivista «Memoria e Ricerca», affronta il tema del patriottismo e della “italianità”, dei suoi miti, delle sue diverse rappresentazioni e del suo uso pubblico, fonte spesso di accese controversie storiografiche e politiche. Dalle due guerre mondiali alla memoria pubblica del Risorgimento e della Resistenza nell’Italia repubblicana, dalla questione di Trieste al mito/antimito di Predappio, la “città del duce”, fino alle polemiche legate al 150° anniversario dell’Unità d’Italia nel 2011. L’autore ne discuterà con la prof.ssa Elena Papadia, che insegna storia contemporanea all’Università di Roma-La Sapienza, e il direttore della Fondazione Casa di Oriani dott. Alessandro Luparini

Il ciclo proseguirà giovedì 15 febbraio con la presentazione del libro di Paolo Nencini, La minaccia stupefacente. Storia politica della droga in Italia (il Mulino 2017), in dialogo con Alessandro Luparini e il dott. Maurizio Fusari, direttore UOC-Anestesia e Rianimazione-Ravenna; e martedì 27 febbraio, con quella del volume collettaneo Superare Caporetto. L’esercito e gli italiani nella svolta del 1917, a cura di Luca Gorgolini, Fabio Montella, Alberto Preti (Unicopli 2017), in dialogo con Alessandro Luparini e il prof. Sandro Rogari dell’Università di Firenze.

 

scarica la cartolina



[ Indietro ]