Cerca

Soci e partner

Provincia di Ravenna

Comune di Ravenna

Fondazione del Monte

Cassa di Risparmio di Ravenna

Camera di Commercio di Ravenna

Istituto per i Beni Culturali Emilia-Romagna

Notiziario

Venerdì 27 maggio 2016

IL PROF. SANDRO ROGARI NUOVO PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE CASA DI ORIANI

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Casa di Oriani, riunitosi il 23 maggio u.s., ha eletto nuovo presidente della Fondazione il prof. Sandro Rogari.

         Rogari era entrato a fare parte del CdA su designazione del Comune di Ravenna, secondo quanto previsto dallo Statuto della Fondazione, in surrogazione del consigliere prof. Luigi Lotti scomparso lo scorso 9 marzo 2016.

         Il prof. Rogari, classe 1947, fiorentino, storico insigne, formatosi presso la prestigiosa Facoltà di Scienze Politiche Cesare Alfieri, di cui è stato preside per due mandati tra il 2000 e il 2006, è ordinario di Storia Contemporanea allʼUniversità di Firenze. Membro di società storiche nazionali e internazionali, è presidente della Società toscana per la storia del Risorgimento, dell’Accademia Colombaria di Scienze e Lettere e del Comitato culturale della Fondazione Marchi; è inoltre socio dell’Accademia dei Georgofili, dell'Accademia delle arti del disegno e della International Society for Intellectual History.

         Autore di oltre duecento pubblicazioni e legato a Ravenna e alla Romagna da lunga consuetudine di studi e di rapporti umani e professionali, fa parte dal 2013 del Comitato Scientifico per la creazione del Museo di Ravenna nel XIX secolo di Palazzo Guiccioli. La sua elezione alla presidenza dellʼOriani si pone quindi in stretta linea di continuità con lo spirito e con lʼoperato del compianto prof. Luigi Lotti.

         I membri del CdA, il direttore e il personale tutto della Fondazione Casa di Oriani salutano con soddisfazione lʼelezione alla presidenza del prof. Sandro Rogari, nella certezza che il suo alto profilo intellettuale non potrà che garantire e rafforzare il ruolo di una istituzione, lʼOriani, che con il complesso museale del Cardello, la Biblioteca di Storia Contemporanea e il suo inestimabile patrimonio bibliografico, le numerose iniziative nel campo della ricerca e dellʼalta divulgazione, lʼautorevole rivista di storia contemporanea Memoria e Ricerca, rappresenta unʼassoluta eccellenza nel panorama culturale nazionale e internazionale.

 

 



[ Indietro ]